LOADING

Type to search

Storie

Lavorare nella storica pasticceria di famiglia e studiare all’Accademia

Share

Oggi raccontiamo la storia di Claudia Tarnuzzer, diplomata all’Accademia iCook nell’edizione estiva 2019.

Quella di Claudia sembrerebbe una storia normale, se non fosse che lei è discendente – quinta generazione – degli storici pasticcieri Taverna e Tarnuzzer di Vercelli, la cui Caffetteria – Confetteria fu nominata a fine ottocento “Fornitore della Casa Reale” e nei cui locali Vittorio Emanuele era solito intrattenersi giocando a biliardo.

E se non fosse che Claudia lavora tuttora nella Pasticceria di famiglia, che non ha mai cessato l’attività in piazza Cavour a Vercelli, dove i locali conservano pressoché intatta l’atmosfera del tempo, con gli arredi, le specchiere, gli scaffali in legno massiccio e le vetrinette d’epoca.

Insieme a Claudia lavorano nella pasticceria la sorella Valentina, con la mamma Annarosa e la cugina Elena, e Chiara che si occupa della promozione su media e social. In laboratorio, accanto a Claudia c’è il padre, Nicola Tarnuzzer, e Riccardo Raffa, apprendista pasticciere.

claudia tarnuzzer all'accaddemia

“Avrei voluto frequentare la scuola alberghiera ma ho scelto per comodità altri studi, che mi hanno tenuta vicino a casa e agli amici. Ho frequentato ragioneria, ma la pasticceria era già allora una passione. Quando il pasticciere nostro collaboratore andò in pensione ho iniziato a lavorare nel laboratorio: mio papà mi ha insegnato tutto quello che aveva appreso, e io tra scuola e lavoro sul campo sono diventata autonoma.

Avevo solo 17 anni e non avevo ancora la maturità necessaria per capire che avrei avuto beneficio da una formazione accademica. Ora, a 35 anni, con una figlia di pochi mesi, grazie al supporto di mio marito e dei miei familiari, ho deciso di migliorarmi perché, anche se lavoro da 18 anni, non posso definirmi “pasticciera”. Ecco perchè mi sono iscritta all’Accademia Professionale di Pasticceria iCook”.

La pasticceria Tarnuzzer di Vercelli è rinomata soprattutto per i Bicciolani, biscotti della tradizione locale, la cui ricetta risale al Rinascimento, quando alcune spezie furono aggiunte alla pasta frolla per conferirle un aroma oggi inconfondibile. Una produzione molto tradizionale dunque, a cui Claudia apporterà sicuramente una ventata di novità senza tradire la storia, grazie ai suoi studi in Accademia.

Innovazione e tradizione, un connubio sicuramente vincente.

Siamo molto contenti di avere avuto Claudia tra i nostri studenti, perchè siamo sicuri che l’Accademia  abbia affinato le sue competenze e le sue doti, e questo potrà fare la differenza nella sua carriera e nella storia del locale di famiglia. In bocca al lupo, Claudia.

Sono aperte le iscrizioni alla prossima edizione dell’Accademia

VAI AL SITO DELL'ACCADEMIA

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *